Agrit. A casa nostra - Selvapiana (RE) 21/5/11

Un serata un pò naif mi piace definirla.
Senza pretese, ma serena. Impressionista volendo.
Son quelle serata che mi piace gustare insieme
ai miei cari musici instacambili e fidi.
Come farei senza di loro?! ;)

Debora e Massimo sempre impeccabili.
E ripeto, il risotto l'era bòn dabòn.
E soprattutto grazie per tutto come sempre.
Salutate le due pesti e mi scuso pubblicamente
se sono stato un pò troppo "forte".

Saluto la tavolata di pittori attenti e disattenti
con gusto e brillantezza notturna.
Sperando un giorno di ritornar dalle parti
di Giuliano e il suo biliardo.
Il disegno qui sotto è di Gianmaria:
Un pittore, un pittore della domenica..
o meglio di "collina".
Merci di cuore.

al_piano_disegno

























Eccoli li, lungo le strade,
come a cercare segrete plaghe.
Le mogli a casa… sempre arrabbiate
per qualche ora le hanno ripudiate;
generalmente han sguardi buoni
sovente ingenui e un po’ da bambinoni
c’è sempre in loro un po’di dramma
a capirli è solo la loro mamma.

Pitori della domenica…

Eccoli lì, con gli occhi attenti,
a radunare di sé mille frammenti
dispersi in giro per l’eternità
da una particolare sensibilità…
Oggi vien male questo celeste.
Ma no, è il ricordo delle tue,
delle tue tempeste -
Césempre in loro un po’di scena
di amore e morte è un’altalena.

P. Conte





visita l'agrit.

 
Marco Sforza - 2007